UN MONDO IN COMUNE A SAN FERDINANDO DI PUGLIA - Sabato 5 OTTOBRE dalle ore 19:00 - Piazza Papa Giovanni II San Ferdinando diPuglia - Concerto di Sandro Joyeux

L’ossimoro di Papa Giovani patrono dell’esercito

12 settembre 2017 – Tonio Dell’Olio

Questa mattina l’Ordinario militare si reca nel Palazzo dell’esercito in via XX Settembre dal comandante di Stato maggiore generale Danilo Errico per presentare e rendere noto il decreto del 17 giugno 2017 con cui la Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti, ha dichiarato san Giovanni XXIII “Patrono presso Dio dell’Esercito italiano”. La cosa potrebbe lasciare indifferenti se non fosse che dichiarare patrono di una forza armata proprio il Papa che si adoperò per risolvere per via diplomatica la crisi di Cuba che ci portava “sull’orlo del precipizio nucleare” e che propose a tutta la Chiesa e agli uomini di buona volontà l’Enciclica Pacem in terris, suona come un tragico ossimoro se non come un affronto. Bene ha fatto il presidente di Pax Christi Mons. Giovanni Ricchiuti a prendere pubblicamente posizione ieri (vedi www.paxchristi.it). Se è vero che in gioventù Roncalli come tanti altri preti aveva prestato la sua opera come cappellano durante la prima guerra mondiale, è altrettanto vero che da una sua lettera a monsignor Bugarini conosciamo anche il giudizio assolutamente negativo che egli esprime per quella esperienza. Così come dal canone 289 del Codice di diritto canonico conosciamo il giudizio che storicamente la Chiesa esprime per l’ambiente militare: “Poiché il servizio militare propriamente non si addice allo stato clericale, i chierici e similmente i candidati agli ordini sacri non prestino il servizio militare volontario, se non su licenza del proprio Ordinario”.

Intervento del Presidente di Pax Christi – Italia, Mons. Giovanni Ricchiuti

“Ci è giunta notizia che San Giovanni XXIII sarà quanto prima proclamato Patrono dell’Esercito Italiano avendone fatto parte al tempo della Prima Guerra Mondiale.
Come Presidente della sezione italiana di Pax Christi, Movimento Cattolico Internazionale per la Pace, mi sembra irrispettoso coinvolgere come Patrono delle Forze Armate colui che, da Papa, denunciò ogni guerra con l’Enciclica ‘Pacem in terris’ e diede avvio al Concilio che, nella Costituzione ‘Gaudium et spes’, condanna ogni guerra totale, come di fatto sono tutte le guerre di oggi.
Se questa notizia fosse vera, sollecitato da tutto il Movimento Pax Christi e anche da altre persone sensibili al tema della pace, ritengo assurdo il coinvolgimento di Giovanni XXIII, anche perchè l’Esercito di oggi, formato da militari professionisti e non più di leva, è molto diverso da quello della prima Guerra mondiale che, non lo possiamo dimenticare, fu definita da Benedetto XV ‘inutile strage’. E’ molto cambiato anche il modello di Difesa, con costi altissimi (23 miliardi di euro per il 2017) e teso a difendere gli interessi vitali ovunque minacciati o compromessi.
Pensare a Giovanni XXIII come Patrono dell’Esercito lo ritengo anticonciliare anche alla luce della forte ed inequivocabile affermazione contenuta nella Pacem in Terris, “con i mezzi di distruzione oggi in uso e con le possibilità di incontro e di dialogo, ritenere che la guerra possa portare alla giustizia e alla pace è fuori dalla ragione – alienum a ratione”.
E’ ‘roba da matti’, per usare un’affermazione di don Tonino Bello, anch’egli Presidente di Pax Christi fino al 1993.
Papa Giovanni XXIII è nel cuore di tutte le persone come il Papa Buono, il papa della Pace, e non degli eserciti.
Sono certo che questo sentire non sia solo di Pax Christi, ma di tante donne e uomini di buona volontà, a cui chiediamo di unirsi con ogni mezzo a questa dichiarazione per esprimere il proprio rammarico per una decisione che non rappresenta il “sensus fidei” di tanti credenti che hanno conosciuto Giovanni XXIII o che ne apprezzano la memoria di quella ventata profetica che ha indicato alla Chiesa nuovi sentieri di giustizia e di pace.”

Altamura, 11 settembre 2017

+ Giovanni Ricchiuti
Vescovo di Altamura-Gravina-Acquaviva delle Fonti
Presidente di Pax Christi – Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *